Spleen, Trash & Trivia

Spleen, perché fa intellettuale. Trash, perché "ma intellettuale dove?". Trivia, perché alla fine è un'accozzaglia di roba a caso.
Trash vario

Miti e leggende come se fossero trash: raccolta celtica

Da dove viene il trash? È forse un’invenzione moderna?

Hahahaha.

Ma certo che no. Il trash è vecchio come il mondo. C’erano momenti trash nell’Iliade. E nelle saghe celtiche, e nei miti di tutto il mondo.

E oggi io, non avendo voglia di pensare a scrivere un articolo nuovo, pubblico qui roba che avevo messo su facebook due-tre mesi fa. Più un episodio bonus.

Argomento: miti celtici.

Malasanità irlandese

Cominciamo da uno dei must della tradizione trash celtica: il ciclo dell’Ulster.

Ambientato in Irlanda più o meno all’epoca di Cristo, il ciclo ha come eroe principale il guerriero Cu Chulainn, nipote del re Conchobar e classico bruto che fa a botte come nessun altro; il ruolo di cattivi spetta invece alla coppia formata dal re Ailill e la regina Medb, quest’ultima una donna forte e ambiziosa, pronta a tutto e ad andare a letto con tutti pur di ottenere ciò che vuole.

Ma partiamo subito con un episodio trash.

Cethern mac Fintain è un amico di Cu Chulainn; durante una battaglia, combatte con grande coraggio e uccide molta gente, ma ne esce conciato malissimo, pieno di ferite, con mezzo intestino di fuori.

Cu Chulainn fa chiamare dei medici per occuparsi di lui. Il primo medico lo guarda, scuote la testa, dice che gli dispiace, ma quelle ferite sono mortali, non può farci niente. Cethern si arrabbia, gli tira un cazzotto e gli fa uscire il cervello dalle orecchie, ammazzandolo.

La stessa scena si ripete identica con un po’ di medici seguenti.

Alla fine, viene chiamato un super-medico-stregone, che si fa strada tra i cervelli spappolati dei suoi colleghi, guarda le ferite, se ne esce con un po’ di supercazzole, poi propone a Cethern due opzioni: può farlo guarire del tutto, ma lentamente e con una degenza molto lunga, oppure rimetterlo in sesto in quattro e quattr’otto, ma solo per tre giorni e poi schiatterà.

Ovviamente, Cethern sceglie la seconda opzione.

cu chulain

Menestrelli con molto senso pratico

Parliamo ora di una ballata scozzese, di cui esistono molte varianti con diversi titoli. Uno di questi è “The Cruel Sister“, anche se “Il Cavaliere Stronzo” rispecchierebbe forse meglio la trama.

C’erano una volta due sorelle, la prima coi capelli neri, la seconda bionda, che vivevano con la madre sulle coste del Mare del Nord.

Un giorno, si presenta alla loro porta un cavaliere che cerca riparo per la notte. Il cavaliere finisce per fermarsi lì, comincia a corteggiare la sorella maggiore, le propone di sposarlo, però in realtà è innamorato dell’altra.

Quando lo scopre, la sorella coi capelli neri si arrabbia e spinge la sorellina giù da una scogliera. Coerentemente con i peggiori stereotipi sulle bionde, la sorella piccola, pur essendo nata e cresciuta in riva al mare, non sa nuotare e affoga.

Il suo corpo viene trasportato dalla corrente su una spiaggia un po’ più in là. Due menestrelli di passaggio la trovano.

“Ohibò!” dice il primo “Una ragazza morta! Che facciamo, la seppelliamo? O cerchiamo di trovare la sua famiglia, qualcuno che magari vorrebbe farle un funerale?”

“Nah, ho un’idea migliore: le prendiamo lo sterno, una costola, qualche capello per le corde e ci facciamo un’arpa nuova a costo zero.”

“Cavoli, tu sì che sei un genio!”

Fanno così, poi finiscono a suonare proprio al matrimonio del cavaliere con la sorella maggiore (che si sta tenendo allegramente senza che nessuno mostri turbamento per la scomparsa dell’altra sorella).

L’arpa però si mette a suonare da sola e racconta a tutti come sono andate le cose.

bone harp

Bonus: quando la grande battaglia capita proprio in quei giorni lì

Torniamo al ciclo dell’Ulster.

Ammetto che quest’episodio non mi è chiarissimo perché il gaelico non lo capisco e l’unica traduzione in inglese che ho trovato è un po’ ambigua. Ma di sicuro trash.

Sta per cominciare una grande battaglia, quando alla regina Medb capita un “problema di sangue” (The issue of blood came upon Medb). Che così a prima vista sembra un modo per dire che le sono venute le sue cose, ma poi Medb stessa parla di “acque da svuotare”, quindi forse invece è solo un problema di vescica.

Medb chiede a Fergus, suo alleato e amante, di accompagnarla nelle retrovie dell’esercito, affinché possa fare quello che deve fare.

“Accidenti, certo che non sarebbe davvero il momento di avere di questi problemi” fa lui.

Lei non lo insulta troppo, e questo depone a favore dell’ipotesi vescica piena (magari si era sparata due litri di birra poco prima e aveva anche un po’ di coda di paglia).

In ogni caso, la cosa bellissima è che Medb si svuota di tantissimo liquido e il poema ci tiene a informarci che da allora il luogo dove ciò è avvenuto viene chiamato “Fual Medbha”ovvero “Le acque di Medb”.

medb

Approfondiamo un attimo

Ora, siamo tutti d’accordo che qualunque fosse il liquido in questione, ci sono luoghi il cui nome ha origini migliori. Ma giusto per amore di conoscenza, ho provato a chiedere una mano a google translator (avevo trovato il testo sia in inglese che in irlandese, qui nel caso voleste consultarlo).

Il termine “Fual” ha come prima traduzione “urina” e solo come secondaria “acqua” (quindi “Fual Medbha” è proprio “il piscio di Medb”). Tuttavia, la frase completa “Is and drecgais a fúal fola for Meidb” viene tradotta come una cosa che non ha senso, ma in cui compare la parola “sangue”. Per la precisione, “fola” sembra essere sangue. Quindi, andando un po’ a logica un po’ a intuito, “fúal fola” potrebbe essere “urina di sangue”, ovvero sangue mestruale (o qualche grosso problema di salute).

Ma questo andando di intuito e google translator. Se avete amici esperti di gaelico, chiedete loro aiuto per svelare l’arcano.

E se andate in vacanza in Irlanda, ricordatevi di fare tappa a Fual Medbha.

 

1 Comment

  1. No, il Gaeliconon lo conosco. Però a senso mi sarei quasi aspettato che alla signora si fossero rotte le acque – che anche chiamare un posto “piscio di una miss”, per quanto la miss sia importante, non è il massimo…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: