Spleen, Trash & Trivia

Spleen, perché fa intellettuale. Trash, perché "ma intellettuale dove?". Trivia, perché alla fine è un'accozzaglia di roba a caso.
Letture mah - Dark Tournament

Lettura mah – Dark Tournament – Puntata 2

Tempo di lettura: 4 minuti

Nella puntata precedente

Dopo anni passati a sollazzarsi con qualsiasi creatura femminile gli passi a tiro, Drake si ricorda di essere follemente innamorato di Stella, ragazza pura e innocente che se è finita all’Inferno di sicuro è solo per un errore burocratico.

Ora deve ritrovarla e salvarla, e per farlo è disposto a tutto. Anche a rischiare la vita. Tanto, è già morto.

Qui il link alla prima puntata, con tutte le dovute introduzioni e premesse

Selve oscure, orsi di pietra e altre amenità

Drake è fuggito dal Castello per cercare Stella che “è ancora viva” (all’Inferno, ma ancora viva).

Si incammina in una foresta di alberi dall’aspetto spettrale che sembrano vivi e rocce che invece  sono vive per davvero. In particolare, non fa tempo a fare cento metri dalle mura che viene assalito da un orso-pietra dalla bava verdognola.

Drake riesce a scappare dall’orso, si infila in una grotta, trova una ragazzina incatenata che sembra tenera e innocente ma in realtà è una Sconsacrata (qualsiasi cosa ciò voglia dire) e viene aggredito da dei tizi scheletrici assetati di sangue.

Per sua fortuna, arriva a salvarlo una guerriera misteriosa che…

[rullo di tamburi]

…si rivela essere Stella! La quale, però, gli scocca una freccia nel petto.

selva oscura

“Capitolo 4: Il prezzo della sopravvivenza” (sempre all’Inferno)

Drake si risveglia dolorante pensando “vabbè, ma Stella di sicuro lo sapeva che sono un Sotterraneo e non sarei morto, no?”

E in realtà no, non sembra esserci nessun motivo per cui lei debba saperlo. E a me continua a sfuggire questo concetto di morire all’Inferno, ma va beh.

Drake è legato e Stella in compagnia di un bruto di nome Gurdan.

“Ma perché mi trattate come un prigioniero?” chiede Drake “Stella, non mi riconosci? Sono io!”

Stella borbotta qualcosa, probabilmente un “ma tu guarda se mi devo ritrovare qui quell’imbecille con cui uscivo decenni fa”, poi risponde che lei si chiama Kahlena.

Per un po’ continua a ignorarlo, poi gli chiede da quanto tempo è lì all’Inferno. Drake spiega che finora è stato al Castello a far finta di essere amico delle streghe, ma è scappato quando ha scoperto che lei era ancora viva.

“Io non sono viva” fa presente lei, e qui ho tirato un sospiro di sollievo nel trovare finalmente un personaggio che dice cose sensate.

Stella e Gurdan danno da mangiare a Drake della carne, lui fa lo schizzinoso perché è cruda, poi si mette a dormire pensando che troverà il modo di riconquistare Stella.

Capitolo 5: Sotterranei poco vestiti e struzzi assassini

Drake ha un incubo in cui rivive il momento in cui ha accettato di sottomettersi a Kreeshna, ma non ce ne importa niente.

Poi si sveglia, nota che Stella si è allontanata, mentre la aspetta va a farsi un bagno in un fiume lì vicino.

Ora, a me fare bagni con noncuranza in un fiume dell’Inferno non  sembra l’idea del secolo, e poi, narrativamente parlando, questo bagno avrà un impatto sulla trama, tipo che spunta fuori qualche mostro acquatico, no?

No. Drake fa il bagno felice, esce, si riveste. E coglie l’occasione per farci sapere che per i Sotterranei all’Inferno le magliette sono bandite, girano tutti a torso nudo. Perché questo è un libro per ragazzine, e anche l’Inferno deve avere le sue attrattive.

Ah, intanto Stella è tornata e l’ha visto nudo, ma si è sforzata di fingere indifferenza e Drake se l’è bevuta.

Drake, Stella e Gurdan si mettono in cammino. Stella è sempre molto scontrosa con Drake, ma ogni tanto si intenerisce. Continuano a essere pronunciate frasi quali “All’Inferno impari a sopravvivere o muori”.

A un certo punto il gruppetto viene attaccato da grossi pennuti assetati di sangue che somigliano un po’ a degli struzzi e abbaiano.

Per mettersi al riparo, Stella “Estrasse l’arco e tirò un freccia verso l’alto. Con uno slancio, afferrò la lunga corda che pendeva dal dardo e atterrò su un ramo altissimo”.

E niente, la dinamica di questo passaggio mi è oscura. Stella afferra la corda e vola via insieme alla freccia? Prima la freccia si conficca, poi lei prende la corda e si issa sul ramo altissimo? Boh.

I due si liberano dagli struzzi. Intanto Gurdan si è perso per strada, ma Stella dice che tanto se vuole sa ritrovarla, e poi aveva tutta l’aria del personaggio inutile.

struzzo

Rivelazioni!

Stella svela a Drake come è finita lì: quando lui è partito per la guerra, lei voleva raggiungerlo, quindi è fuggita di casa e si è arruolata nella Croce Rossa. Purtroppo per lei, l’hanno mandata in un posto che non c’entrava niente con dov’era Drake ed è morta quasi subito. A quel punto, una Strega le ha offerto di seguirla all’Inferno, così avrebbe ritrovato Drake e lei ha accettato. Poi però si è molto pentita della scelta.

Drake si sente in colpa, le promette che la porterà fuori dall’Inferno, lei è molto scettica. Dopodiché, il terreno si apre sotto di loro in modo random, Stella viene risucchiata e il capitolo si chiude.

Nella prossima puntata…

Drake e Stella si accorgono di un vulcano lì accanto che non avevano visto. Altre creature varie cercano di ucciderli. Stella si accorge che superare le cotte adolescenziali è più difficile di quanto pensasse.

Appuntamento a mercoledì prossimo.

3 Comment

  1. E dunque ad un certo punto Stella smette di far finta di essere un’altra? O l’incontro con gli struzzi abbaianti le ha fatto tornare la memoria?

    Deh, aspetto con trepidazione la prossima puntata. Intanto però – frush.. frush… Dove ho messo gli occhiali?… E la matita rossa… Ah, ecco qui.

    “non fa tempo a fare cento metri dalle mure”

    Fare a tempo, le mura. O no?

    “E a me continua a sfuggirmi’

    A me continua a sfuggire.
    Oppure: e continua a sfuggirmi (senza quell’ a me)

    ” a me fare bagni (…) non mi sembra”
    Recidiva!!

    Ti do 7 perché la racconti bene, ma bada che ti tengo d’occhio, sai?!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: