Spleen, Trash & Trivia

Spleen, perché fa intellettuale. Trash, perché "ma intellettuale dove?". Trivia, perché alla fine è un'accozzaglia di roba a caso.
Rubriche Letterarie

Orlando Furioso: un fantasy femminista (reading Ariosto – puntata 1)

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Le donne, i cavallier, l’arme, gli amori,
Le cortesie, l’audaci imprese io canto,
Che furo al tempo che passaro i Mori
D’Africa il mare, e in Francia nocquer tanto
Seguendo l’ire e i giovenil furori
D’Agramante lor re, che si diè vanto
Di vendicar la morte di Troiano
Sopra re Carlo imperator romano.

Mia nonna era un’insegnante di italiano. Qualche mese fa (in effetti ormai un annetto) ho recuperato da casa sua una vecchia edizione dell’Orlando FuriosoAnno di stampa 1957, pagine un po’ ingiallite, copertina rigida foderata in un’ulteriore pellicola trasparente attaccata all’interno con dello scotch.

Erano un po’ di anni che l’Orlando Furioso era nella mia lista di cose che vanno lette. Certo, l’avevo studiato a scuola, letto qualche brano riportato sui libri di letteratura, ma poca roba.

A convincermi che ci voleva una lettura integrale erano state le Lezioni Americane di Calvino. Perché, banalmente, se Calvino aveva una stima immensa per Ariosto e io ho una stima immensa per Calvino, allora è giusto che io legga Ariosto.

 

Orlando Furioso - frontespizio

L’Orlando Furioso: i primi quattro canti

Ok, non è che ancora abbia letto tantissimo. Quattro canti. Ma accidenti, se è già roba interessante.

In quattro canti, s’è già visto di tutto: amori non corrisposti, duelli, donne travestite da cavalieri, maghi su cavalli alati, profezie, castelli incantati, il fantasma del Mago Merlino.

E ci sono un po’ di aspetti che mi hanno colpito particolarmente.

Quando nasce il fantasy?

Questa è una di quelle domande pseudo-filosofiche a cui non esiste una vera risposta. Se vuoi quella noiosa, puoi dire che il fantasy è nato con Tolkien. Se vuoi fare il precisino un po’ spiritosone, te ne vieni fuori con “e allora la Divina Commedia-l’Odissea-la Bibbia?”. In ogni caso, è abbastanza comune che in questo genere di discussioni venga fuori il nome di Ariosto. Perché, suvvia, ci sono maghi e cavalli alati.

Ora: il confine tra mitologia e letteratura fantastica, ammesso che abbia senso cercarne uno, è labile. Anche perché Tolkien per primo scrisse il Signore degli Anelli con l’intento di scrivere mitologia. Detto questo, non so neanch’io bene perché, ma l’Orlando Furioso lo percepisco come molto più vicino al fantasy moderno che alla tradizione epica o folk.

Forse per l’evidente vocazione di puro intrattenimento, senza l’intento allegorico della Divina Commedia né il peso di tradizioni orali da conservare dei poemi epici. Forse per quella “leggerezza” tanto esaltata da Calvino (gli unici passaggi un po’ più seriosi sono quelli di lodi alla famiglia estense). O, ancora, è l’estrema laicità del tutto, la mancanza di entità sovrumane. Il fatto che alcuni personaggi siano cristiani e altri saraceni è un mero dettaglio di contorno. E (per ora) c’è tanta magia e nessun senso di sacralità.

Insomma, a dirla tutta, credo ci sia parecchia roba scritta negli ultimi decenni che è molto più vicina alla tradizione epica e folk di quanto non lo sia Ariosto. D’altra parte, il Cinquecento non era l’età della pietra e nemmeno il Medioevo. Come ci insegnano a scuola, dal 1492 inizia l’età moderna. E l’Orlando Furioso è molto, molto moderno.

illustrazione

Pericolo gender!

Una cosa che mi ha colpito molto è come l’Orlando Furioso sia nettamente più femminista di un sacco di roba che viene pubblicata oggi.

Prima cosa: Bradamante. Una tizia che incontriamo molto presto all’interno del poema, vestita da uomo, in viaggio per salvare il suo amato da un castello dove uno stregone lo tiene prigioniero. Se domani la Disney annunciasse l’uscita di un film con una trama così, scatterebbero isterie contro l’ideologia gender che confonde i bambini.

Invece Ariosto tratta Bradamante come uno qualsiasi degli altri cavalieri del poema, e lo fa come se fosse la cosa più naturale del mondo.

Ok, in effetti tratta anche i cavalli alati come se fossero la cosa più naturale del mondo. Ma non soffermiamoci troppo sui dettagli.

La condizione femminile: non siamo più nel Medioevo!

C’è poi un altro episodio che mi ha colpita molto in questo senso. Siamo nel quarto canto e Rinaldo sta vagando per la Scozia, quando si imbatte in una classica situazione da romanzo cortese: una fanciulla è stata ingiustamente accusata di essersi comportata in modo poco pudico e ha bisogno di un cavaliere che si batta per difendere il suo onore, o sarà condannata a morte.

Rinaldo accetta di essere lui quel cavaliere. Però dice anche che l’intera questione gli sembra un’idiozia.

Riassumendo il suo discorso in parole povere: “Non so se l’accusa sia fondata o meno, ma anche se lo fosse, la ragazza non avrebbe fatto nulla di male e voi ‘sta legge barbara dovreste cambiarla, perché non è giusto che per un uomo andare con tante donne sia motivo di vanto e per una donna andare con un uomo è una vergogna.”

S’un medesimo ardor, s’un disir pare
Inchina e sforza l’uno e l’altro sesso
A quel soave fin d’amor, che pare
All’ignorante vulgo un grave eccesso;
Perché si de’ punir donna o biasimare,
Che con uno o più abbia commesso
Quel che l’uom fa con quante n’ha appetito,
E lodato ne va, non che impunito?

1532. Dopo quasi cinquecento anni, sul “biasimare” abbiamo ancora qualche problema.

E comunque, io mi sto chiedendo perché questo passaggio a scuola non ce l’abbiano fatto leggere.

 

 


Altri articoli:
A proposito di mitologia e delle sue origini
A proposito di fantasy moderno
A proposito di figure femminili combattive

2 Comment

  1. “corsteie”??

    Ma poi, io son basito: davvero Calvino stimava quel plagiatore di Ariosto??

    E sì, lo ammetto: l’hanno censurato parecchio pure ai tempi miei, per quanto sapessi di Bradamante.

    1. Corretto! Altro che se lo stimava (dal punto di vista stilistico, quindi di quanto fossero originali i contenuti gli importava poco)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: